Rassegna stampa

As Roma: pressing Chiesa, c’è l’incontro. Llorente spera

IL TEMPO (L. PES) –  Dalle idee ai fatti. Inizia il pressing giallorosso su Chiesa. L’esterno bianconero è tra i primi nomi fatti da Daniele De Rossi in sede di mercato quando ha stretto la mano ai Friedkin per il contratto del futuro. E nei primi giorni di Ghisolfi a Trigoria il tecnico ha ribadito il gradimento per l’esterno d’attacco che potrebbe lasciare la Juve dopo l’arrivo di Thiago Motta. Il ventisettenne azzurro ha il contratto in scadenza tra dodici mesi, e non sembra intenzionato a prolungare la propria avventura in bianconero, soprattutto dopo aver capito le intenzioni del neo tecnico juventino che non vede l’ex Fiorentina nel suo scacchiere tattico ideale. Per questo ora per Chiesa è tempo di riordinare le idee e capire quale siano le strade percorribili per il futuro, anche perché la Juventus cercherà di fare cassa evitando di perdere il calciatore a parametro zero tra un anno. In questa situazione si apre un varco importante per la Roma di DDR, che considera il figlio d’arte un profilo ideale per arricchire la rosa giallorossa di qualità, intensità e rapidità e che soprattutto ha potuto apprezzarlo a trecentosessanta gradi durante l’esperienza dell’Europei vinto dall’Italia. La stima è reciproca, per questo il club capitolino, con l’arrivo di Ghisolfi, vuole capire la fattibilità dell’operazione a livello di ingaggio e di richieste della Juventus, disposa ad ascoltare eventuali offerte.

La prossima settimana, infatti, è previsto un incontro tra l’agente del giocatore Fali Ramadani e Ghisolfi. Un meeting esplorativo che servirà a capire se e come affondare il colpo con i bianconeri, cercando di stringere i tempi (almeno per la  Roma) prima che un eventuale exploit in Germania con la maglia azzurra possa accendere la concorrenza. Col noto procuratore, però, si potranno aprire anche discorsi su altri assistiti, visto che tra i giocatori della sua scuderia compaiono nomi come Boga e Falcone che i giallorossi potrebbero valutare. Inoltre, nella tappa capitolina di Ramadani, non è da escludere un appuntamento con il Napoli, vista la presenza degli studi della Filmauro a Roma. Napoli che con l’arrivo di Conte dovrà necessariamente rivoluzionare il proprio organico per adattarlo alle esigenze del tecnico salentino. Tra i sacrificabili non è da escludere il nome di Politano, già bocciato dall’allenatore ai tempi dell’Inter e che a Roma tornerebbe volentieri, anche per i buoni rapporti con De Rossi. Ancora nessun dialogo aperto con club o agente, ma un’idea che a Trigoria intriga soprattutto per le caratteristiche del calciatore (esterno destro di piede mancino che ama l’uno contro uno e ha gol nei piedi) e per la possibilità di strapparlo ad una concorrente, anche se recentemente l’ala cresciuta proprio nel settore giovanile di Trigoria ha rinnovato il contratto con gli azzurri fino al 2027. Chi preme per restare, invece, è Diego Llorente. Dopo aver sistemato la questione Angelino, infatti, Ghisolfi dovrà occuparsi dell’altro spagnolo in prestito, che ha manifestato la volontà di vestire ancora la maglia giallorossa, mettendo pressione attraverso il suo entourage. La Roma potrebbe di nuovo usufruire della clausola per portarlo nella Capitale in prestito gratuito, ma il difensore vorrebbe essere acquistato a titolo definitivo dopo due prestiti. Dialoghi in corso tra le parti per un’operazione che si può chiudere tra i quattro e i cinque milioni di euro.

Fonte: Il Tempo

Trascrizione: laroma24.it

News

Articoli correlati

Pulsante per tornare all'inizio